A2C - Consulenza tecnica specialistica News Progettazione Come gestire la sindrome del "non nel mio cortile"
Come gestire la sindrome del "non nel mio cortile"
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
News Progettazione

NimbyHai mai sentito parlare della sindrome NIMBY? Se la risposta è "no" non temere: non si tratta di una nuova malattia. Ma è però un fenomeno che può creare problemi seri alla collettività. L'acronimo NIMBY sta per "not in my backyard", che significa letteralmente "non nel mio cortile".

 


Questa parola si utilizza per indicare l'attitudine da parte dei membri di una comunità ad opporsi, anche strenuamente, alla realizzazione di opere di interesse pubblico nei territori in cui risiedono, preferendo che l'opera in questione venga realizzata quanto più possibile lontano da casa propria. Parliamo di opere che hanno impatti rilevanti, come inceneritori, impianti di trattamento dei rifiuti, turbine eoliche, nuove strade, ferrovie.

NimbyL'opposizione nasce sempre dal timore che l'opera possa arrecare danni alla salute, all'ambiente o al valore economico della zona interessata. Si ritiene che la causa principale della sindrome Nimby risieda nella mancanza di informazione ai cittadini,così come nel loro mancato coinvolgimento nei processi decisionali che riguardano le loro comunità e i loro territori.
E' importante quindi:

  • il DIRITTO DI ACCESSO del pubblico alle informazioni,
  • la PARTECIPAZIONE del pubblico ai processi decisionali
  • l'ACCESSO alla giustizia.

Ciò è stato recepito nell'Unione Europea ed è per questo che procedure come la VIA, la VAS e molti programmi richiedono PER LEGGE di informare il pubblico e lo svolgimento di consultazioni pubbliche.
Secondo il Convegno NIMBY Forum del 2016, quasi il 57% delle opere contestate riguardava il settore energetico. Di queste, ben il 75% erano progetti di energia da fonte rinnovabile.

 

Nimby

Oltre ai casi di mancanza di informazione e coinvolgimento della popolazione, adesso ci sono anche in aggiunta i social media.
C'è da precisare che, non tutti i timori sono sempre fondati. Come c'è anche la possibilità che i timori invece sia ben fondati.
Quindi proprio per questo è importante informare e coinvolgere la popolazione residente, e tutti i portatori di interesse presenti sul territorio dove sorgerà l'opera. È importante un loro coinvolgimento negli iter procedurali. In questo modo, i timori infondati e le critiche pretestuose possono essere eliminati, raccogliendo e integrando tutte le osservazioni pertinenti e migliorative.

La mancata realizzazione di opere necessarie e strategiche, a causa della sindrome NIMBY, può avere conseguenze molto nefaste. Ad esempio il discorso vale per il Deposito Nazionale per i Rifiuti Radioattivi o per gli impianti di trattamento dei rifiuti, ad esempio. Questo vuol dire che i nostri rifiuti, di cui siamo RESPONSABILI, vengono spediti anche in impianti molto lontani dal luogo di produzione, con costi esorbitanti per le nostre tasche; ed inoltre hanno anche impatti significativi in termini di emissioni in atmosfera dovuti alla movimentazione di alcune tipologie di rifiuti.

Concludendo, ti lascio citando il Principio 10 della Conferenza sull'Ambiente e lo Sviluppo delle Nazioni Unite tenutasi a Rio de Janeiro nel 1992:

"Il modo migliore di trattare le questioni è quello di assicurare la partecipazione di tutti i cittadini interessati, ai diversi livelli".

Ultimo aggiornamento Venerdì 02 Aprile 2021 20:56
 

E' possibile lasciare un commento effettuando il login