Skip to content

A2C

  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • black color
  • cyan color
  • green color
A2C - Consulenza tecnica specialistica News Radon Nuovi limiti di esposizione a gas Radon
Nuovi limiti di esposizione a gas Radon Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 14
ScarsoOttimo 
News Radon

Rn-nuovi-limiti-300bqm3Il 17/01/2014 è stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale Europea la Direttiva 2013/59/Euratom che rivoluziona il campo delle radiazioni ionizzanti ed in particolare del Radon. In particolare, l'Italia entro il 06/02/2018 dovrà emanare delle disposizioni nazionali che attuino tali indicazioni europee. La Direttiva 2013/59/Euratom stabilisce nuovi limiti per le concentrazioni di Radon (300 Bq/m3) e per le radiazioni emesse da materiali da costruzione. E' possibile scarica il testo originale della Direttiva 2013/59/Euratom nella area Download/RiferimentiLegislativi del sito A2C.

In merito al Radon, nella premessa n.22 alla Direttiva è riportata una indicazione sul motivo per il quale sia stato modificato il precedente limite di riferimento di concentrazione di Radon da 400 Bq/m3 a 300 Bq/m3: 

Tumore-polmonare-radon" (22) Recenti risultati epidemiologici ottenuti da studi residen­ziali dimostrano un aumento statisticamente significativo del rischio di carcinoma polmonare correlato all'esposi­zione prolungata al radon in ambienti chiusi a livelli dell'ordine di 100 Bq/m3. Il nuovo approccio delle si­tuazioni di esposizione permette di inglobare le disposi­zioni della raccomandazione 90/143/Euratom della Com­missione nelle prescrizioni vincolanti delle norme fon­damentali di sicurezza, lasciando un sufficiente margine di flessibilità per l'attuazione."

E nella premessa n.23 è riportato un riferimento alla pericolosità dell'associazione di consumo di tabacco e Radon ed alla necessità di piani di azione nazionali:

"(23) Sono necessari piani d'azione nazionali per far fronte ai rischi di lungo termine derivanti dall'esposizione al ra­don. È riconosciuto che la combinazione di consumo di tabacco ed elevata esposizione al radon comporta un rischio individuale di carcinoma polmonare sostanzial­mente più elevato rispetto ai due fattori considerati se­paratamente e che il consumo di tabacco amplifica il ri­schio derivante dall'esposizione al radon a livello della popolazione. È importante che gli Stati membri affron­tino entrambi questi rischi sanitari." 

Nella premesse n.24 e n.25 ci sono chiare indicazioni su come dovrà essere modificata la legislazione italiana in merito all'esposizione da Radon nei luoghi di lavoro:
"(24) Uno Stato membro che, a motivo di circostanze nazio­nali, stabilisca, per le concentrazioni di radon nei luoghi di lavoro situati in ambienti chiusi, un livello di riferi­mento superiore a 300 Bq/m3, dovrebbe informare la Commissione al riguardo."
"(25) Nel caso in cui il radon penetri dal suolo nei luoghi di lavoro situati in ambienti chiusi, tale situazione dovrebbe essere considerata una situazione di esposizione esistente dato che la presenza di radon è in larga misura indipen­dente dalle attività umane svolte all'interno del luogo di lavoro. Tali esposizioni possono essere significative in determinate zone o in specifici luoghi di lavoro indicati dagli Stati membri e, in caso di superamento del livello di riferimento nazionale, si dovrebbero adottare misure ap­propriate per ridurre la concentrazione di radon e l'espo­sizione. Qualora i livelli continuino ad essere superiori al livello di riferimento nazionale, le attività umane svolte all'interno del luogo di lavoro non dovrebbero essere considerate "pratiche". Tuttavia, gli Stati membri dovreb­bero provvedere affinché tali luoghi di lavoro siano no­tificati e, nel caso in cui l'esposizione dei lavoratori possa superare una dose efficace di 6 mSv all'anno o un corri­spondente valore di esposizione al radon integrato nel tempo, sia assicurata una gestione come quella per le situazioni di esposizioni pianificate, con l'applicazione di limiti di dose, e dovrebbero determinare i requisiti di protezione operativa da applicare".

All'articolo 7, paragrafo 3 - "Livelli di Riferimento":
"3. Per le situazioni di esposizione esistenti che comportano un'esposizione al radon, i livelli di riferimento sono fissati in termini di concentrazione di attività di radon in aria di cui all'articolo 74 per gli individui della popolazione e all'articolo 54 per i lavoratori."

All'articolo 35, paragrafo 2 - "Provvedimenti da adottare sul luogo di lavoro":
"2. Per i luoghi di lavoro di cui all'articolo 54, paragrafo 3, e nel caso in cui l'esposizione dei lavoratori possa comportare una dose efficace superiore a 6 mSv all'anno o un corrispon­dente valore di esposizione al radon integrato nel tempo deter­minato dallo Stato membro, le esposizioni sono gestite come situazioni di esposizione pianificata e gli Stati membri determi­nano quali disposizioni del presente capo sono appropriate. Per i luoghi di lavoro di cui all'articolo 54, paragrafo 3, e qualora la dose efficace cui sono esposti i lavoratori sia pari o inferiore a 6 mSv all'anno o l'esposizione sia inferiore a un corrispondente valore di esposizione al radon integrato nel tempo, l'autorità competente impone l'obbligo di tenere sotto controllo le espo­sizioni."

All'articolo 54 - "Radon nei luoghi di lavoro" è riportato:
"1. Gli Stati membri stabiliscono livelli di riferimento nazio­nali per le concentrazioni di radon nei luoghi di lavoro. Il livello di riferimento per la media annua della concentrazione di atti­vità aerea non deve essere superiore a 300 Bq/m3, a meno che un livello superiore non sia giustificato dalle circostanze esi­stenti a livello nazionale.
2. Gli Stati membri dispongono che le misurazioni del radon siano effettuate:
       a) in luoghi di lavoro all'interno delle zone individuate confor­memente all'articolo 103, paragrafo 3, situati al pianterreno o a livello interrato, tenendo conto dei parametri contenuti nel piano d'azione nazionale di cui al punto 2 dell'allegato XVIII, nonché
       b) in specifiche tipologie di luoghi di lavoro identificate nel piano d'azione nazionale tenendo conto del punto 3 dell'al­legato XVIII.
3. Nelle zone all'interno dei luoghi di lavoro in cui la con­centrazione di radon (come media annua) continua a superare il livello di riferimento nazionale nonostante le azioni intraprese conformemente al principio di ottimizzazione di cui al capo III, gli Stati membri dispongono che tale situazione sia notificata conformemente all'articolo 25, paragrafo 2, e si applica l'arti­colo 35, paragrafo 2".

Penetrazione-Radon-abitazioneAll'articolo 74 - "Esposizione al Radon in ambienti chiusi" è riportato:
"1. Gli Stati membri stabiliscono livelli di riferimento nazio­nali per le concentrazioni di radon in ambienti chiusi. I livelli di riferimento per la media annua della concentrazione di attività in aria non devono essere superiori a 300 Bq/m3.
2. Nell'ambito del piano d'azione nazionale di cui all'arti­colo 103, gli Stati membri promuovono interventi volti a indi­viduare le abitazioni che presentano concentrazioni di radon (come media annua) superiori al livello di riferimento e, se del caso, incoraggiano, con strumenti tecnici o di altro tipo, misure di riduzione della concentrazione di radon in tali abita­zioni.
3. Gli Stati membri provvedono affinché siano rese disponi­bili informazioni locali e nazionali sull'esposizione al radon in ambienti chiusi e sui rischi per la salute che ne derivano, sul­l'importanza di effettuare misurazioni della concentrazione di radon e sui mezzi tecnici disponibili per ridurre le concentra­zioni di radon esistenti".

Infine, tale Direttiva ingloba la 90/143/Euroatom e abroga le seguenti Direttive:

  • 89/618/Euratom, 
  • 90/641/Euratom,
  • 96/29/Euratom,
  • 97/43/Euratom, 
  • 2003/122/Euratom.

 

 

Ultimo aggiornamento Sabato 17 Gennaio 2015 12:00
 

E' possibile lasciare un commento effettuando il login