Skip to content

A2C

  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • black color
  • cyan color
  • green color
A2C - Consulenza tecnica specialistica News Radon Il Radon nel RUEC di Scafati
Il Radon nel RUEC di Scafati Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
News Radon

Scafati RadonIl Comune di Scafati, al fine di tutelare maggiormente la salute dei propri cittadini ha tenuto in forte considerazione il rischio Radon nel Regolamento Urbanistico Edilizio Comunale (RUEC). In particolare per le nuove costruzioni, è fatto obbligo di implementare dei sistemi di mitigazione che vadano a diminuire le concentrazioni medie del gas Radon

In particolare gli imprenditori che sono in procinto di edificare una nuova opera nel comune di Scafati, al fine di ottenere il "Permesso di Costruire", in ottemperanza all'art.109 del vigente RUEC, dovranno produrre adeguata documentazione inerente le opere di mitigazione del Radon che intenderanno porre in essere.

Tali opere di bonifica potranno essere di due tipologie:

  1. adeguati sistemi di ventilazione dei locali;
  2. sistemi di impermeabilizzazione al gas Radon.

In particolare si riporta il suddetto articolo 109 del RUEC del Comune di Scafati:

"

ART. 109 – Riduzione effetto gas radon

Per controllare la migrazione del gas radon dai terreni agli ambienti interni, è obbligatorio per gli  edifici nuovi inseriti in aree ad alto rischio di radon, ventilare adeguatamente gli ambienti interrati e  realizzare delle membrane (cavedi) di separazione ben sigillate tra le aree interrate e gli ambienti occupati.

" 

Si consideri che tutta la provincia di Salerno è da tempo noto[1] che è tra le più inquinate d'Italia dal gas Radon.

Per ulteriore approfondimento, nella sezione Download del sito si riporta il testo integrale del Ruec, così come pubblicato sul sito del Comune di Scafati nel marzo 2011.

 

[1] Fonte: inchesta Altroconsumo 2009: http://lacittadisalerno.gelocal.it/dettaglio/articolo/1678212

Ultimo aggiornamento Martedì 25 Agosto 2015 13:14
 

E' possibile lasciare un commento effettuando il login