Skip to content

A2C

  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • black color
  • cyan color
  • green color
A2C - Consulenza tecnica specialistica News Radon Il Radon nel REC di Contursi Terme
Il Radon nel REC di Contursi Terme Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
News Radon

ContursiDa tempo il legislatore ha voluto attivarsi per tutelare il territorio comunale, creando il Rec, ossia il Regolamento edilizio comunale, votato ad individuare le modalità esecutive e le tipologie delle trasformazioni, nonché l'attività concreta di costruzione, modificazione e conservazione delle strutture edilizie. Il Comune di Contursi Terme (SA) è un esempio virtuoso da seguire perché, conscio della dannosità del gas Radon si è allertato attraverso il REC, testimoniando cura e attenzione verso la salute della cittadinanza. Gli amministratori, evidentemente, sono decisamente coscienti dell'alto ruolo che rivestono verso la popolazione.

Il Radon, non meno dannoso dell'amianto ma ancora poco noto, è di accertata pericolosità. Incolore ed estremamente volatile, questo gas è più denso dell'aria e si propaga dal suolo e, a volte, dall'acqua nella quale può disciogliersi. E se i mass media ci allertano sulla pericolosità dell'inquinamento o sul mancato rispetto delle normative Ue, nulla informano riguardo a questa minaccia per la nostra salute.
Fortunati, allora, i cittadini del Comune di Contursi Terme per la meritevole attenzione che l'amministrazione ha dimostrato, muovendosi nella direzione del bene della collettività. Questo esempio dovrebbe essere seguito coralmente e ci auguriamo che lo sarà. Il rischio Radon è tale soprattutto per quanto concerne le nuove costruzioni laddove è fatto obbligo di implementare dei sistemi di mitigazione che vadano a diminuire le concentrazioni medie del gas Radon.
Investiti del problema sono, su tutti, gli imprenditori in procinto di edificare una nuova opera nel Comune Contursi Terme. Essi son tenuti a munirsi del "Permesso di Costruire", che non è un mero esercizio di retorica. Infatti esso si traduce all'osservanza dell'art.183 del vigente REC per il quale gli imprenditori sono tenuti a produrre una documentazione confacente ed inerente le opere di mitigazione del Radon che intenderanno porre in essere. I tecnici, gli ingegneri in testa, hanno individuato due soluzioni di bonifica: adeguati sistemi di ventilazione dei locali e sistemi di impermeabilizzazione al gas Radon.

In particolare si riporta il suddetto articolo 181 del REC del Comune di Contursi Terme (SA):


"
ART. 183 – Riduzione effetto gas radon

Per controllare la migrazione del gas radon dai terreni agli ambienti interni, è obbligatorio per gli edifici nuovi inseriti in aree ad alto rischio di radon, ventilare adeguatamente gli ambienti interrati e realizzare delle membrane (cavedi) di separazione ben sigillate tra le aree interrate e gli ambienti occupati.

"

E' da precisare che la dicitura "aree ad alto rischio radon" è da intendersi per tutto il comprensorio salernitano, in quanto è palese ed è da tempo noto[1] che l'area salernitana è tra le più inquinate d'Italia dal Radon.
Per ulteriore approfondimento, nella sezione Download del sito si riporta il testo integrale del Rec, così come pubblicato sul sito del comune di Contursi Terme.

 

 

[1] Fonte: inchesta Altroconsumo 2009: http://lacittadisalerno.gelocal.it/dettaglio/articolo/1678212

Ultimo aggiornamento Martedì 06 Settembre 2016 12:27
 

E' possibile lasciare un commento effettuando il login