Skip to content

A2C

  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • black color
  • cyan color
  • green color
A2C - Consulenza tecnica specialistica News Progettazione Ricostruzione edificio crollato senza Permesso di Costruire
Ricostruzione edificio crollato senza Permesso di Costruire Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
News Progettazione

Crollo casaCon la Sentenza n. 27677 del 27/06/2014, la III° Sezione Penale della Corte di Cassazione di Roma ha chiarito che gli interventi di ricostruzione di un manufatto crollato, non necessitano di una autorizzazione di "Permesso di Costruire", ma sono autorizzabili da una semplice "DIA", anche in zone sottoposte a vincoli paesaggistici. Sussistono 2 requisiti imprescindibili: che "rimangano inalterate la volumetria e la sagoma" e che il crollo sia incolpevole.

Un cittadino ragusano, a seguito del crollo dell'abitazione, aveva provveduto alla ricostruzione senza presentare richieste di "Permesso di costruire" o badando ad altre formalità burocratiche.
A conclusione dell'iter giudiziario, è stato assolto dalla III° Sezione Penale della Corte di Cassazione di Roma con la la Sentenza n. 27677 del 27/06/2014, con la seguente massima:"gli interventi di ristrutturazione edilizia ricomprendono anche la demolizione e la ricostruzione del preesistente manufatto purché vi sia identità dell'area di sedime e ne rimangano inalterate la volumetria e la sagoma".

Tale Sentenza richiama la n. 36258 del 16/06/2011, sempre della III° Sezione Penale della Corte di Cassazione di Roma:"La nozione di ristrutturazione edilizia presuppone il ripristino o la sostituzione di elementi costitutivi dell'edificio originario volti a trasformare l'organismo preesistente, a condizione che rimangano immutati sagoma, volume ed altezza dello stesso", che a sua volta è collegata ad una Sentenza della stessa Corte del 2006:"gli interventi di manutenzione straordinaria che non alterano lo stato dei luoghi e l'aspetto esteriore degli edifici, anche se eseguiti in zone sottoposte a vincolo paesistico, non richiedono la preventiva autorizzazione".

Risulta però fondamentale ricordare la Sentenza n. 28212 del 08/04/2008, in cui si ribadisce il vincolo della inalterazione della volumetria e della sagoma:"rimangano inalterate la volumetria e la sagoma, configurandosi diversamente un intervento di nuova costruzione".

Altro vincolo imprescindibile è che il crollo debba essere incolpevole; ovvero, solo dove esso sia accidentale il proprietario potrà dirsi immune da responsabilità e da quella "colpa" che è elemento necessario perché un qualsiasi reato edilizio possa dirsi compiuto.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 15 Aprile 2015 18:02
 

E' possibile lasciare un commento effettuando il login