Skip to content

A2C

  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • black color
  • cyan color
  • green color
A2C - Consulenza tecnica specialistica News Progettazione Obbligo certificazione EN 1090 per produttori di acciaio strutturale
Obbligo certificazione EN 1090 per produttori di acciaio strutturale Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
News Progettazione

DurometroDal 01/07/2014 i produttori ed i trasformatori di acciaio strutturale devono essere certificati secondo la Norma EN 1090-1:2009 + A1:2011. Tutti i componenti, quindi, che costituiranno opere di costruzione (edifici o opere di ingegneria civile), dovranno essere marcati CE. I direttori dei lavori ed i collaudatori, avranno l'obbligo di verificare tale conformità dei prodotti utilizzati.

Precedentemente al 01/07/2014 bastava richiedere l'iscrizione dell'attività come Centro di Trasformazione di carpenteria metallica.

Dal sito del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (http://www.cslp.it) è riportata la seguente nota di chiarimento:
"
La marcatura CE deve essere apposta su un prodotto da costruzione in base alla norma armonizzata EN 1090-1: 2009 + A1: 2011, quando sono soddisfatte tutte le seguenti condizioni:

  • il prodotto ricade nel campo di applicazione della norma EN 1090-1: 2009 + A1: 2011 (si prega di consultare l'elenco indicativo, non esaustivo dei prodotti che non rientrano nel campo di applicazione della EN 1090-1: 2009 + A1: 2011, come predisposto dal CEN),
  • ed è un prodotto da costruzione strutturale ai sensi del regolamento sui prodotti da costruzione (UE) 305/2011, cioè significa che: il prodotto è destinato ad essere incorporato in modo permanente in opere di costruzione (edifici o opere di ingegneria civile), e il prodotto ha una funzione strutturale in relazione alle opere da costruzione (cioè risulta rilevante per il soddisfacimento del requisito base delle opere da costruzione n.1, così come dettagliato nell'allegato I del Regolamento UE 305/2011).
  • e il prodotto non è coperto da una specifica tecnica europea di prodotto (poiché se per il prodotto esiste una norma europea EN armonizzata, o una Linea Guida per il Benestare Tecnico Europeo (ETAG) o un Benestare Tecnico Europeo, o una Valutazione Tecnica Europea (ETA), queste costituiscono necessariamente la base per la marcatura CE).

".

Inoltre, il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ricorda che rimane l'obbligo del Direttore dei Lavori, in fase di accettazione, di:

  • verificare la conformità di quanto riportato nella documentazione di qualificazione o marcatura CE (Dichiarazione di Prestazione), con i requisiti richiesti dal decreto 14 gennaio 2008 edc dello specifico progetto;
  • controllare che la documentazione di qualificazione o la marcatura CE facciano riferimento agli effettivi componenti pervenuti in cantiere, assicurandosi quindi, nei limiti delle proprie competenze, dell'effettiva rintracciabilità dei prodotti;
  • effettuare le previste prove di accettazione.

 

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 27 Maggio 2015 15:29
 

E' possibile lasciare un commento effettuando il login