Skip to content

A2C

  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • black color
  • cyan color
  • green color
A2C - Consulenza tecnica specialistica News Antincendio Il dimensionamento delle pompe antincendio alla luce della EN 12845
Il dimensionamento delle pompe antincendio alla luce della EN 12845 Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
News Antincendio

locale pompePer il dimensionamento delle reti e delle pompe antincendio è in vigore la norma UNI EN 12845:2009 "Installazioni fisse antincendio - Sistemi automatici a sprinkler - Progettazione, installazione e manutenzione".

Le pompe antincendio ammesse dalla UNI EN 12845:2009 per l'alimentazione degli impianti sprinkler sono:

  • quelle orizzontali del tipo axial split case o end-suction, quest'ultime del tipo back pull-out
  • quelle verticali con flusso semiassiale del tipo vertical turbine pump.

La norma EN 12845 non dà indicazioni su quali pompe antincendio non utilizzare.

L'utilizzo di elettropompe sommerse, come di quelle multistadio verticali con giunto di accoppiamento motore/pompa, è sconsigliato (in quanto consigliato solo l'uso delle orizzontali soprabattente) ma è facoltà del progettista, qualora ritenga necessario il loro uso, inserire in progetto queste tipologie. Tra l'altro una menzione alle pompe sommerse viene fatta anche nella norma locali (UNI EN 11292) dove recita "...nel caso di pompe sommerse l'intervento deve essere garantito senza dover vuotare la riserva idrica...".

automezzo vvfIl giunto tra il motore e la pompa dei gruppi di pompaggio ad asse orizzontale deve essere tale da assicurare che entrambi possano essere rimossi indipendentemente ed in modo tale che le parti interne della pompa possano essere ispezionate o sostituite senza coinvolgere le tubazioni di aspirazione o di mandata. Le pompe con aspirazione assiale (end suction) devono essere del tipo con parte rotante estraibile lato motore (back pull-out).

Laddove è possibile si devono utilizzare pompe antincendio centrifughe ad asse orizzontale, installate sottobattente in conformità con quanto segue:

  • almeno due terzi della capacità effettiva del serbatoio di aspirazione devono essere al di sopra del livello dell'asse della pompa;
  • l'asse della pompa non deve essere a più di 2 m al di sopra del livello minimo dell'acqua nel serbatoio di aspirazione. Se ciò non è fattibile, la pompa può essere installata in condizioni di soprabattente oppure si possono utilizzare le pompe verticali immerse a flusso assiale (vertical turbine pumps).

Le pompe antincendio orizzontali sono generalmente di due tipi:

  • pompe che o hanno le bocche (aspirazione e mandata i cui diametri vengono indicati con DNA e DNM) poste sullo stesso asse con aspirazione e mandata radiale, generalmente dello stesso diametro e che hanno il corpo pompa divisibile assialmente per consentire l'accesso, la pulizia o la sostituzione degli organi interni senza rimuovere le tubazioni di aspirazione e mandata, o
  • pompe con le bocche a squadra poste a 90° con aspirazione assiale e mandata radiale. Le pompe non devono essere scollegate dalle tubazioni per consentire la sostituzione o il controllo delle parti interne. Per questo le end-suction devono essere back pull-out (in pratica il corpo della pompa con le bocche rimane collegato alle tubazioni e la girante, con albero e lanterna, viene estratta dalla parte posteriore, senza intervenire sul motore)

Il giunto che collega queste pompe al motore, sia esso elettrico che Diesel, deve essere del tipo che consenta la rimozione di una delle due parti (pompa o motore) in maniera indipendente e questo implica l'obbligo di utilizzo di un giunto con spaziatore. E questo toglie la possibilità di utilizzo delle pompe monoblocco o con giunto rigido. È improbabile estrarre il tutto da dietro se la pompa è accoppiata rigidamente ad un motore diesel.

La temperatura dell'acqua non deve essere maggiore di 40 °C. Laddove vengono utilizzate delle pompe sommerse, la temperatura dell'acqua non deve essere maggiore di 25 °C, tranne nei casi in cui è stata provata l'idoneità del motore per temperature fino a 40 °C, in conformità con il prEN 12259-12.

 

Ultimo aggiornamento Sabato 30 Maggio 2015 11:10
 

E' possibile lasciare un commento effettuando il login