Skip to content

A2C

  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • black color
  • cyan color
  • green color
"Arsenico" e vecchi merletti Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
News Ambientali

ArsenicoDal 1° gennaio 2013 molte famiglie nel Lazio e in particolare nel viterbese e in alcuni comuni della provincia di Roma, non possono più bere l’acqua del rubinetto di casa e delle fontanelle pubbliche perché contiene arsenico e fluoruro in quantità superiori ai limiti di legge. Una situazione che interessa diverse decine di comuni.

 

Il problema è che il termine concesso per la terza e ultima deroga è scaduto il 31 dicembre 2012 e i lavori di adeguamento probabilmente non termineranno prima del 2014. Così dal primo gennaio sono scattate le ordinanze dei sindaci delle province di Roma e Viterboche, secondo le indicazioni dell’Istituto superiore di Sanità, vietano di bere l’acqua del rubinetto, di usarla per cucinare, lavarsi i denti e fare la doccia a persone con patologie cutanee.

Il divieto di bere l’acqua dell’acquedotto colpisce una quarantina di comuni e quasi 300mila persone solo nella Tuscia. Il contenuto di arsenico e fluoruro è presente infatti in quantità superiori ai limiti di legge, che sarebbero di 10 microgrammi/litro per l’arsenico, e 1,5 microgrammi per il fluoruro. Una situazione che non è certo una novità, visto che è dal 2001 che regioni e territori chiedono deroghe alla legge.

Tutto ciò ha già avuto un impatto sulla salute. Uno studio del Dipartimento di epidemiologia del Servizio sanitario della regione Lazio, pubblicato ad aprile 2012, ha registrato infatti tra il 2005 e 2011, nei comuni dove la concentrazione di arsenico è superiore a 20 microgrammi, un aumento della mortalità per tutti i tipi di tumore (in particolare polmone e vescica), ipertensione, ischemia cardiaca e diabete nella provincia di Viterbo e del 12% per i tumori in quella di Latina. Anche se questi risultati dovranno essere confermati da studi successivi, l’Oms e lo Iarc (International agency research on cancer) hanno già accertato che l’arsenico è un elemento cancerogeno.

Gli effetti di un’esposizione prolungata da acqua e cibo si hanno dopo almeno 5 anni, e iniziano dalla pelle, con cambiamenti nella pigmentazione, lesioni cutanee su mani e piedi che possono essere precursori di un cancro alla cute. Un’esposizione prolungata all’arsenico tramite acqua potabile e cibo può causare cancro, lesioni cutanee, malattie cardiovascolari, danni al sistema nervoso e diabete, è infatti l’allarme che arriva dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Ultimo aggiornamento Sabato 08 Giugno 2013 10:21
 

E' possibile lasciare un commento effettuando il login